VERGNE VINCE E CONVINCE – Jean Eric Vergne vince l’E-Prix di Berna 2019 di Formula E e rafforza la sua leadership in campionato. Il francese sulla DS Techeetah n°25 (foto qui sopra), dopo la pole ottenuta in qualifica, corre l’intera gara elvetica davanti a tutti. Resiste ai continui attacchi di Mitch Evans sulla Jaguar, secondo al termine, guadagnando punti chiave per la corsa al titolo iridato. In terza posizione Sebastian Buemi con la Nissan E.Dams n°23 (foto qui sotto). Ora resta solo New York, teatro di una doppia gara che assegnerà tutti i titoli il 13 e 14 luglio.

“BOTTO” ALLA PRIMA CURVA – Partenza con il poleman Vergne che scatta bene e mantiene la testa del gruppo. Alla prima curva, passano Vergne, Evans e Buemi. Sei vetture, però, finiscono in una “ammucchiata” che congestiona la pista. Bandiera rossa e gara interrotta per quarantacinque minuti. Si riparte da zero con lo stesso ordine definito dalle qualifiche dietro la Safety Car. Il risultato nelle prime tre posizioni, dopo il secondo verde, è lo stesso: Vergne davanti a tutti, seguito da Evans e da Buemi. Nelle retrovie, Di Grassi, scattato dalla diciottesima piazza e in lizza per il titolo contro Vergne, è scatenato e inizia a scalare posizione. 

SECONDA FASE AGITATA – L’E-Prix non regala particolari emozioni fino a una ventina di minuti dalla fine su un totale di 45 da correre. E’ in questa fase che inizia la danza dei sorpassi anche grazie alla potenza supplementare attivabile per due volte, per un totale di otto minuti, passando in una determinata zona della pista. Se davanti a tutti Evans prova più volta a impensierire e a sorpassare Vergne, più indietro Lotterer e Di Grassi metteno a segno una serie di manovre per guadagnare posizioni e mantenere aperta la lotta al titolo.

LOTTERER MATTATORE  – Vergne, Evans e Buemi sono costantemente attaccati l’uno all’altro. Lotterer attacca Bird e, al secondo tentativo, lo sopravanza e guadagna la quarta posizione. Il tedesco sente l’odore del podio ma deve fare i conti con Buemi prima di proiettare la sua DS Techeetah sul gradino basso. Intanto, Di Grassi entra in top ten e quindi in zona punti. Siamo a tre minuti dalla fine, inizia a piovere ma nessuno sembra voler alzare il piede dall’acceleratore. Ultimo giro: Vergne continua a difendersi da Evans mentre Lotterer si fa vedere negli specchietti di Buemi. La pista è però stretta, si fatica a trovare varchi. Ed è così che Vergne taglia la bandiera a scacchi davanti a tutti, seguito da Evans. Buemi chiude il podio.

> E-PRIX DI BERNA: L’ORDINE D’ARRIVO



Sorgente alvolante.it

Immagini e testi sono di proprietà del titolare, per saperne di più visita il sito www.alvolante.it