E’ risultata essere una delle novità più apprezzate al Salone di Ginevra: stiamo parlando della nuova Peugeot 208 che promette di interpretare in modo unico e originale le esigenze della mobilità del futuro. L’ultima generazione della 208 è costruita sulla piattaforma CMP del Gruppo PSA, ovvero quella già usata sulla DS3 Crossback.

Giulio Marc D’Alberton, responsabile comunicazione Peugeot Italia, (nel video qui sopra) racconta come è la nuova generazione della 208.

La nuova Peugeot 208 è più lunga di 8-9 cm rispetto alla generazione precedente, quindi supera i 4,08 metri; più larga quasi di un cm (1.74).

L’interno della nuova Peugeot 208 riprende lo schema dell’i-cockpit dotato ora di head-up digital display 3D e di una gamma di aiuti alla guida normalmente riservati a modelli di segmento superiore. Mentre il touch screen da 5, 7 o 10 pollici (in base all’allestimento) dispone della funzione Mirror Screen compatibile con Apple CarPlay e Android Auto, senza dimenticare la 3D Connected Navigation con servizi Tom Tom Traffic.

La grande novità presentata al Salone di Ginevra  è stato il nuovo motore elettrico e-208 con potenza di 100 kW, pari a 136 cavalli e 260 Nm di coppia. La batteria ha una capacità di 50 kW, per un’autonomia di 450 Km.

Gli altri motori della Peugeot 208 saranno il benzina 3 cilindri 1.2 da 75, 100 e 130 cv e il diesel a 4 cilindri 1.5 da 100 cv. A seconda delle versioni, debutta il nuovo cambio automatico EAT8 a 8 rapporti.

In Italia, dopo il debutto a Ginevra, sarà commercializzata nel prossimo autunno.



Sorgente virgilio.it

Immagini e testi sono di proprietà del titolare, per saperne di più visita il sito virgilio.it