GIÀ 60 MILA – La Hyundai Ioniq, la vettura della casa coreana disponibile in versione ibrida, ibrida ricaricabile ed elettrica, che ha venduto globalmente 60.000 unità, si rifà il trucco. Sul mercato dal 2016, la casa coreana ha presentato un aggiornamento che tocca sia la parte estetica che gli interni della variante ibrida e ibrida ricaricabile. Questo aggiornamento non interesserà la Ioniq elettrica, costruita sempre sulla medesima piattaforma, il cui aggiornamento dovrebbe essere annunciato nelle prossime settimane. Esteticamente le novità sono poche e mirate. Sul frontale della Hyundai Ioniq possiamo notare nuovi dettagli per il paraurti e per la calandra e gruppi ottici aggiornati, ora con tecnologia a led, sia all’anteriore che al posteriore. La gamma della nuova Ioniq aggiunge altri tre colori (Fluidic Metal, Electric Shadow e Liquid Sand) portando il totale a otto varianti cromatiche. 

MOTORI INVARIATI – La Hyundai Ioniq adotta la modalità di guida ad un pedale, la frenata rigenerativa intelligente, la modalità Eco+, per estendere l’energia residua in situazioni di emergenza, e una particolare modalità che, in alcune zone selezionate, permette di sfruttare al massimo il motore elettrico. Dal punto di vista tecnico non ci sono novità; entrambe le versioni possono contare su un motore a benzina 1.6 litri da 105 CV e su un motore elettrico da 43,5 CV per l’ibrida e da 61 per la Plug-In. Le batterie sono del tipo litio-polimero e hanno una capacità di 1,56 kWh per la ibrida e 8,9 per la Plug-In. La Hyundai Ioniq prevede un sostanziale aggiornamento dei sistemi di assistenza alla guida. Si serie saranno presenti l’avviso di collisione anteriore con riconoscimento di pedoni, il sistema di mantenimento della corsia e quello che monitora l’attenzione del conducente, potenzialmente in grado di scongiurare i colpi di sonno.

NUOVO INFOTAINMENT – La novità principale degli interni è il grande schermo da 10,25 pollici, optional, del rinnovato sistema multimediale dotato di riconoscimento vocale e di aggiornamenti via internet. Non manca la compatibilità con  Android Auto e Apple CarPlay. Un’altra grande novità è l’introduzione dei servizi telematici Blue Link, che, tra le altre cose, prevede un assistente vocale personale, oltre alla possibilità di controllare da remoto la ventilazione, inviare destinazioni al navigatore, sbloccare la vettura, localizzarla e richiedere l’assistenza stradale.

QUANDO ARRIVA? – La Hyundai Ioniq ristilizzata arriverà in Europa nella seconda metà del 2019.



Sorgente alvolante.it

Immagini e testi sono di proprietà del titolare, per saperne di più visita il sito www.alvolante.it