IN CALO PER LA PRIMA VOLTA – La buona notizia è che per la prima volta nella storia il dato rilevato non è aumentato, anzi ha subito una leggera flessione. La cattiva è che il valore registrato rimane molto alto. Stiamo parlando della ricerca sulle differenze tra consumi ed emissioni di CO2 dichiarati e quelli reali condotta dal 2001 dall’ICCT, International Council on Clean Transportation, un’organizzazione indipendente senza scopo di lucro fondata per fornire una ricerca obiettiva e analisi scientifiche ai regolatori ambientali. Il divario registrato per il 2017, ultimo anno disponibile, è stato del 39% contro il 40% rilevato nel corso del 2016. 

ANALIZZATE 1,3 MILIONI DI AUTO – La ricerca dell’ICCT si basa sull’analisi statistica di dati provenienti da oltre 1,3 milioni vetture circolanti in otto paesi europei, compresa Germania, Francia, Spagna e Regno Unito, ma esclusa l’Italia. L’esito, come detto, è di una discrepanza dei consumi, e delle relative emissioni di anidride carbonica, tra valori di omologazione e quelli registrati su strada del 39% equivalente, sostengono i ricercatori, in una spesa extra media di carburante di 400 euro all’anno. Un dato inferiore dell’1% rispetto al 2016 dovuto probabilmente alla maggiore attenzione dell’opinione pubblica dopo lo scandalo del dieselgate che ha costretto i costruttori a pubblicare valori più realisti. Rimane il fatto che lo scarto risulta alto e difficilmente sarà colmato per intero con i nuovi sistemi di omologazione WLTP

DIVARI QUADRUPLICATI DAL 2001 – A livello statistico è interessante notare che la discrepanza tra consumi dichiarati e reali è più che quadruplicata rispetto al 2001, anno del primo rilevamento nel quale il delta si fermava all’8%. Da allora la differenza è costantemente aumentata raggiungendo il 20% nel 2009, superando il 30% nel 2013 e arrivando al 40% nel 2016. I ricercatori concludono affermando che la “Commissione europea dovrebbe sviluppare rapidamente una metodologia per penalizzare i produttori che forniscono dati di consumo di carburante irrealisticamente bassi ai loro clienti” in modo da incentivare l’effettiva riduzione degli scarti tra i valori dichiarati e quelli effettivi.

LE DIFFERENZE NEGLI ANNI

2001200220032004200520062007200820092010201120122013
8%10%11%12%11%14%16%18%20%23%27%28%33%
             
2014201520162017         
36%39%40%39         



Sorgente alvolante.it

Immagini e testi sono di proprietà del titolare, per saperne di più visita il sito www.alvolante.it