UNA LEGGENDA MADE IN ITALY – La Abarth fu fondata il 31 marzo del 1949 dal tedesco Carlo Abarth con il pilota Guido Scagliarini. Abarth, a soli 20 anni, correva già in moto e otteneva diversi successi, fino a quando non fu coinvolto in un incidente che lo costrinse a passare dalle due ruote ai sidecar. Nel 1939, però, un secondo grave incidente lo obbligò ad abbandonare definitivamente le competizioni. Nel 1945 Carlo Abarth si trasferì a Merano e avviò la sua prima attività, basata sulla produzione dei leggendari kit di elaborazione destinati alle vetture di serie; uno degli elementi principali su cui si incentrava il lavoro di Abarth erano le marmitte, che nel corso degli anni divennero una vera e propria icona del marchio (come la Record Monza, attualmente prevista con il kit Esseesse). Solo quattro anni più tardi Abarth fondò la storica azienda che porta il suo nome, che in poco tempo raggiunse volumi di produzione considerevoli: solo nel 1962 furono fabbricate 257.000 marmitte, delle quali il 65% era destinato all’esportazione.

TANTI RECORD – Alla fine degli Anni 50 la Abarth inizio ad inanellare grandi successi, inizialmente con la Fiat Abarth 750, che il 18 giugno del 1956, sulla pista di Monza, batté il record delle 24 ore percorrendo 3.743 km a una velocità media di 155,985 km/h. Pochi giorni più tardi, dal 27 al 29 giugno, sempre sul circuito di Monza, arrivarono altri record: i 5.000 e i 10.000 km, le 5.000 miglia e anche le 48 e le 72 ore. Si tratta dei primi successi della Abarth, che conta in totale 133 record internazionali e 10 record del mondo. Nel 1958 la Abarth compì una delle opere che più hanno segnato la storia del marchio: l’elaborazione della Fiat 500, un passo che portò, poco dopo, ad una più stretta collaborazione con la Fiat, la quale si impegnò persino a riconoscerle premi in denaro in base al numero di vittorie e record che la scuderia sarebbe riuscita a conseguire. 

GLI ANNI 60 E 70 –  Anche gli anni 60, per la Abarth, furono costellati di grandi successi: dalla 850 TC, vincitrice su tutti i circuiti internazionali (compreso il Nürburgring), passando per la Fiat-Abarth 1000, derivata dalla Fiat 600 ma equipaggiata con un motore da 982 cc e 60 cavalli (in seguito furono realizzate ulteriori evoluzioni), fino alla Abarth 2300 S, che sul circuito di Monza fu capace di realizzare numerosi record, anche in condizioni meteorologiche proibitive. Nel 1971 la proprietà della Abarth passò al Gruppo Fiat; erano gli anni della gloriosa Fiat 124 Abarth, vincitrice del titolo europeo di rally nel 1972 e nel 1975, e della 131 Abarth, campione del mondo nel 1977, 78 e 80. Carlo Abarth, purtroppo, non fece in tempo ad assistere all’ultimo successo della Abarth 131, si spense il 24 ottobre 1979.

IL RILANCIO NEL 2008 –  Dopo alcuni anni di stallo, nel 2008 il marchio Abarth venne rilanciato con una nuova linea che comprendeva la Abarth Grande Punto e la Abarth 500; la casa dello Scorpione rese nuovamente disponibili i kit prestazionali per ciascun modello, proprio come fece Carlo Abarth all’inizio della sua carriera. Negli anni 2000 la Abarth tornò nel mondo delle corse con la Grande Punto Rally Super 2000 e la Abarth 500 (per i trofei monomarca). Da allora, i modelli elaborati dall’azienda italiana crebbero costantemente: dall’Abarth 695 Tributo Ferrari (2010) all’Abarth 595 Yamaha Factory Racing (2015), dall’Abarth 695 Biposto Record (2015) all’Abarth 695 Rivale (2017), dall’Abarth 124 spider (lanciata nel 2016), all’Abarth 124 GT e la nuova gamma Abarth 595 (entrambe nel 2018).  Secondo quanto dichiarato dalla stessa azienda italiana, lo scorso anno si è registrato il record di vendite in Europa con quasi 23.500 veicoli immatricolati (una crescita del 36,5% rispetto al 2017); i paesi in cui le consegne sono aumentato in modo più massiccio sono la Gran Bretagna, con più di 5.600 unità vendute e una crescita del 27% rispetto all’anno precedente, e la Spagna con 1.450 unità (+ 27%). 

UNA VERSIONE SPECIALE PER TUTTO IL 2019 – Mancano pochi giorni al 70esimo anniversario della Abarth e, per l’occasione, la storica azienda italiana ha annunciato la nascita della nuova gamma “70esimo Anniversario”, che interesserà la Abarth 595, la Abarth 124 e la 595 esseesse, presentata alla scorsa edizione del Salone di Ginevra. La versione 70esimo Anniversario dei modelli Abarth si distingue per il logo celebrativo dedicato; tutte le Abarth che saranno immatricolate nel 2019 faranno parte della nuova gamma.



Sorgente alvolante.it

Immagini e testi sono di proprietà del titolare, per saperne di più visita il sito www.alvolante.it