Sono sempre più gli italiani che si orientano su una vettura usata e al primo posto c’è sempre il diesel: nonostante le limitazioni e le campagne ‘contro’, al contrario l’interesse per questa alimentazione è cresciuto, con un aumento sia dei passaggi di proprietà sia dell’incidenza sul totale delle vendite e delle richieste.

Questo il quadro che emerge dall’Osservatorio di AutoScout24, il portale di annunci auto e moto, leader in Europa, sul mercato delle auto usate in Italia nel 2018.

Secondo l’elaborazione del Centro Studi di AutoScout24 su base dati ACI, nel 2018, rispetto al 2017, i passaggi di proprietà sono infatti aumentati del +4,7%, raggiungendo 3.090.049 atti. Tra i capoluoghi di regione , ai primi posti per numerosità troviamo Roma (229.979 passaggi), Napoli (142.795) e Milano (138.909), ma se si confrontano i dati con la popolazione residente maggiorenne, si vede come il podio passi a Trento con 834,9 passaggi di proprietà ogni 10mila abitanti, Aosta (719,6) e Perugia (670,8). Fanalini di coda Genova (485,2) e Trieste (499,7).

DIESEL PRIMA SCELTA

Il motore diesel resta sempre la prima scelta: secondo i dati ACI, infatti, nel 2018 la quota di mercato del gasolio è del 53,8% (nel 2017 era del 52,7%), con una crescita dei passaggi di proprietà del +7,3%. Un dato confermato anche dall’analisi interna di AutoScout24: ben il 65% delle richieste totali riguardano vetture diesel, a conferma di come le “limitazioni” alla circolazione per il momento non stiano condizionando gli utenti nella scelta di un’auto usata.

MODELLI PIU’ RICHIESTI

Le auto ‘green’, invece, pur riscontrando un maggiore interesse, al momento rappresentano ancora una quota limitata, probabilmente per il prezzo medio più alto (€ 21.090) dovuto anche a un parco auto più ‘giovane’. Sul fronte dei modelli più richiesti vince in assoluto la Volkswagen Golf, ma se si prendono in considerazione solo le vetture più ecologiche ibride ed elettriche al primo posto troviamo la Toyota Auris.

PREZZI STABILI

Nel 2018, rispetto allo scorso anno, si rileva una sostanziale stabilità (+0,9%), con un prezzo medio di vendita che si attesta a circa € 12.280. Per acquistare una vettura sul mercato italiano, tra le province capoluogo di regione “più care” troviamo ancora una volta Trieste con un costo medio di € 20.210, seguita da Bologna (€ 15.430), Venezia (€ 14.670), Roma (€ 13.450) e Milano (€ 13.130). Nettamente più economica l’offerta a Genova e L’Aquila, dove gli acquirenti devono prevedere rispettivamente € 9.870 e € 9.860.



Sorgente virgilio.it

Immagini e testi sono di proprietà del titolare, per saperne di più visita il sito virgilio.it