CAMBIA POCO – Venduto solo in Sud America, dov’è anche costruito (in Brasile), il Fiat Toro è un pick-up lungo 491 cm dall’aspetto personale che quest’anno riceve l’aggiornamento di metà carriera: dopo quattro anni arrivano tre nuove vernici, “spunta” un paracolpi maggiorato nel fascione anteriore e debutta una inedita protezione per il lunotto. L’allestimento di primo livello è l’unico a non avere compreso nel prezzo lo schermo di 7”, più ampio di quello disponibile finora (misura 6,2”). Fra le novità dell’edizione 2019 della Fiat Toro c’è anche l’allestimento in stile sportiveggiante S-Design, con predellini e protezioni per la carrozzeria nere, i loghi della Fiat ad effetto fumé e rivestimenti scuri per l’interno.

TRE MOTORI – I motori disponibili per il Fiat Toro 2019 restano i benzina 1.8 da 139 CV e 2.4 da 186 CV, oltre al diesel 2.0 da 170 CV; i 1.8 e 2.4 possono funzionare anche a bioetanolo, un carburante ottenuto dalla lavorazione di prodotti agricoli come i cereali e le vinacce. A seconda del motore, il cambio può essere manuale a 5 marce oppure automatico a 6 o 9 rapporti. Il Toro, basato su un’evoluzione del pianale utilizzato anche per la Fiat 500X e la Jeep Renegade, può avere la trazione anteriore o 4×4.



Sorgente alvolante.it

Immagini e testi sono di proprietà del titolare, per saperne di più visita il sito www.alvolante.it