LA RIVALITÀ SI ACCENDE – La BMW ha assistito a distanza alle schermaglie fra Alfa Romeo e Mercedes, che fra il 2017 e il 2018 hanno ingaggiato con le loro suv medie una sfida per il tempo più veloce sulla pista del Nürburgring con Stelvio Quadrifoglio e AMG CLG 63 S. La BMW infatti non aveva un suv medio ad alte prestazioni rivale di queste ultime. Questa “mancanza” viene colmata con l’arrivo della BMW X3 M e della BMW X4 M, due suv messe a punto dal reparto sportivo BMW M e dotate di un nuovo motore biturbo di 3.0 litri, il più potente 6 cilindri in linea mai realizzato: a seconda della versione, M o M Competition, ha 480 o 510 CV. La potenza di 510 CV è analoga alle concorrenti Stelvio Quadrifoglio e AMG CLG 63 S, segno che la rivalità fra i tre modelli sarà molto accesa.

TRAZIONE INTELLIGENTE – Le prestazioni si annunciano entusiasmanti già per le BMW X3 M e BMW X4 M, che a dispetto del peso (1970 kg) scattano da 0 a 100 km/h in 4,2 secondi e raggiungono la velocità massima di 250 km/h. I 30 CV in più delle X3 M Competition e X4 M Competition fanno scendere lo “0-100” a 4,1 secondi. A richiesta è possibile ordinare il pacchetto M Driver, che alza la soglia d’intervento del limitatore di velocità a 280 km/h per le M e 285 km/h per le M Competition. Abbinati al motore 3.0 ci sono il cambio automatico Steptronic a 8 marce e la trazione integrale M xDrive, che permette al guidatore di ripartire la coppia fra gli assi in funzione del percorso: la modalità 4WD è per la guida tranquilla e per i fondi con poca aderenza, perché le ruote a far “presa” sono sempre quattro, mentre la 4WD Sport invia la coppia alle sole ruote posteriori e rende la guida più coinvolgente. Il sistema M xDrive però resta sempre vigile, perché in caso d’emergenza bastano poche frazioni di secondi perché le BMW X3 M e BMW X4 M passino automaticamente dalla trazione posteriore al 4×4 (le perdite di aderenza vengono rilevate dalla centralina del controllo di stabilità). L’M xDrive si ispira al sistema della BMW M5 dove, però, è possibile attivare una modalità di guida con la sola trazione posteriore anche in caso di perdite di aderenza. Non manca poi il differenziale sportivo sull’asse posteriore, che distribuisce la coppia per evitare pattinamenti.

DOCILI O SPORTIVE – A far cambiare personalità alle BMW X3 M e BMW X4 M concorrono inoltre gli ammortizzatori regolabili e lo sterzo a rapporto variabile, dotazioni che rendono le due suv all’occorrenza più docili o sportive. Per questi modelli i tecnici della BMW M hanno rivisto inoltre i freni, alcune regolazioni delle sospensioni e adottato ruote di 20” per le M e di 21” per le M Competition. Le X3 M e X4 M hanno prese d’aria maggiorate nei fascioni, bandelle sottoporta più profilate e quattro grossi scarichi, oltre a sedili sportivi più avvolgenti e materiali all’interno d’impronta sportiva. A differenziare le Competition contribuiscono i dettagli esterni in nero lucido: sono di questo colore i listelli e il contorno della mascherina, il profilo dei vetri laterali, la presa d’aria dietro le ruote anteriori ed i gusci degli specchi laterali. Da agosto 2019 sarà disponibile un pacchetto con accessori in fibra di carbonio, spoiler posteriore compreso.



Sorgente alvolante.it

Immagini e testi sono di proprietà del titolare, per saperne di più visita il sito www.alvolante.it