TROPPO SILENZIOSE – Tra le caratteristiche principali delle auto elettriche vi è quella di non emettere sostanze nocive, ma anche quella di non emettere alcun tipo di rumore. Aspetto molto positivo per la riduzione della pressione sonora nelle città, ma anche potenzialmente pericoloso per la sicurezza degli altri utenti della strada, che possono non percepire il sopraggiungere di un’autovettura.

DEVONO FARE RUMORE – Questo problema di sicurezza è stato però risolto dal legislatore europeo che, dal 1 luglio 2019, ha imposto che tutti i nuovi modelli di auto elettriche e ibride venduti nell’Unione Europea (l’obbligatorietà per le auto già in commercio, scatterà nel 2021) debbano essere dotati di un sistema denominato AVAS (acronimo di Audible Vehicle Alert System), in grado di riprodurre un suono artificiale (nel video qui sotto alcuni esempi). Il sistema è stato quindi concepito per garantire la sicurezza dei soggetti che, in un contesto urbano, sono potenzialmente a rischio, come utenti con disabilità visiva, ma anche pedoni sempre più distratti dall’utilizzo di smartphone e ciclisti. 

NON DISATTIVABILE – Per quanto riguarda le caratteristiche tecniche, l’avvisatore acustico montato a bordo delle vetture, dovrà essere in grado di produrre un suono con una tonalità decisa (una sorta di beep) e un’intensità di almeno 56 decibel fino a 75 decibel quando la vettura si sta spostando fino a una velocità di 20 km orari (un’auto con motore termico emette una media di circa 75 decibel). Alcune case come la Jaguar, con la I-Pace, la BMW e la Nissan, così come la Hyundai nella Kona, si sono già mosse ed hanno dotato le loro vetture del sistema, attualmente disattivabile. Tuttavia, con l’entrata in vigore del nuovo regolamento non sarà più possibile per l’utente disattivare l’AVAS.



Sorgente alvolante.it

Immagini e testi sono di proprietà del titolare, per saperne di più visita il sito www.alvolante.it